Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Vernakalant nella conversione a ritmo sinusale della fibrillazione atriale di recente insorgenza: parere positivo del CHMP


Merck & Co e Cardiome Pharma hanno comunicato che il CHMP ( Committee for Medicinal Products for Human Use ) dell'EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato l'approvazione dell'antiaritmico Vernakalant ( Brinavess ) per la conversione a ritmo sinusale della fibrillazione atriale di recente insorgenza nei pazienti non-chirurgici con fibrillazione atriale da non più di 7 giorni e nei pazienti post-chirurgici con fibrillazione atriale di durata uguale o inferiore a 3 giorni.

L'efficacia di Vernakalant è stata valutata a 90 minuti su 390 pazienti adulti emodinamicamente stabili con fibrillazione atriale di breve durata (da 3 ore a 7 giorni ).
Il trattamento con Vernakalant è risultato più efficace del placebo e dell’Amiodarone nella conversione a ritmo sinusale.

Nello studio ACT I, Vernakalant ha cardiovertito il 51% dei pazienti contro il 4% del gruppo placebo ( p minore di 0.0001 ). Nello studio ACT III, il 51.2% dei pazienti trattati con Vernakalant è stato convertito a ritmo sinusale contro il 3.6% del gruppo placebo ( p minore di 0.0001 ).
Nei pazienti responder, la conversione della fibrillazione atriale a ritmo sinusale è avvenuta rapidamente ( di norma entro 10 minuti dall'inizio dell'infusione ).

Nello studio AVRO, Vernakalant è stato studiato in 116 pazienti con fibrillazione atriale di insorgenza compresa tra 3 e 48 ore, contro 116 pazienti trattati con Amiodarone ( Cordarone ) ( p minore di 0.0001).
L’Amiodarone per infusione è stato somministrato nell’arco di 2 ore ( 1 ora di dose di carico di 5 mg/kg, seguita da 1 ora di infusione di mantenimento di 50 mg ).
L’endpoint primario era rappresentato dalla proporzione di pazienti che hanno raggiunto il ritmo sinusale entro i primi 90 minuti dopo aver iniziato la terapia.
Vernakalant ha cardiovertito il 51.7% dei pazienti a 90 minuti contro il 5.2% con Amiodarone, con una maggiore rapidità d’azione rispetto all’Amiodarone nella conversione a ritmo sinusale ( valore di p log-rank:
Il CHMP ha raccomandato che Vernakalant venga controindicato nei pazienti con grave stenosi aortica, pressione sistolica inferiore a 100 mmHg, insufficienza cardiaca NYHA III e IV, prolungamento del QT al basale ( non-corretto: maggiore di 440 msec ), grave bradicardia ( senza pacemaker ), disfunzione del nodo del seno ( senza pacemaker ), blocco di secondo e di terzo grado.
La controindicazione all’impiego di Vernakalant è anche estesa ai pazienti trattati con farmaci antiaritmici di classe I e III nelle 4 ore precedenti.
Vernakalant è anche controindicato nei pazienti con sindrome coronarica acuta ( compreso l’infarto miocardico ) negli ultimi 30 giorni.

La sicurezza di Vernakalant è stata valutata su 883 soggetti ( pazienti e volontari sani ).
Sulla base dei dati riguardanti 773 pazienti in 6 studi di fase 2 e 3, gli eventi avversi più comunemente riportati ( maggiori del 5% ), riscontrati nelle prime 24 ore dopo aver ricevuto Vernakant sono stati: disgeusia ( alterazione del senso del gusto ) ( 20.1% ), starnuti ( 14.6% ) e parestesie ( 9.7% ).

L’ipotensione si è presentata in un piccolo numero di pazienti ( Vernakalant 7.6% versus 5.1% placebo ).
L’ipotensione di norma si presenta precocemente, durante l’infusione o subito dopo, ed è generalmente corretta mediante misure standard di supporto.

I pazienti con una storia di insufficienza cardiaca cronica hanno mostrato una più alta incidenza di aritmie ventricolari nelle prime 2 ore post-dosaggio ( 7.3% per Vernakalant versus 1.6% nel gruppo placebo ). Queste aritmie tipicamente si presentano come tachicardie ventricolari non-sostenute, monomorfe, asintomatiche ( in media 3-4 battiti ).
Nei pazienti senza una storia di insufficienza cardiaca congestizia sono state riportate con frequenza simile aritmie ventricolari ( 3.2% nel gruppo Vernakalant e 3.6% con il placebo ). ( Xagena2010 )

Fonte: Cardiome Pharma, 2010


Cardio2010 Farma2010




Indietro