52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Terapia di resincronizzazione cardiaca, dimensione del ventricolo destro e rischio di tachiaritmie ventricolari


La terapia di resincronizzazione cardiaca ( CRT ) è sempre più riconosciuta per la sua capacità di ridurre le tachiaritmie ventricolari, eventualmente associate a rimodellamento inverso del ventricolo sinistro, ma non è stato esaminato il ruolo del ventricolo destro in questo processo.

Ricercatori del University of Rocester Medical Center ( Stati Uniti ) hanno indagato il rapporto tra tachiaritmie ventricolari e il cambiamento nelle dimensioni del ventricolo destro nei pazienti sottoposti a resincronizzazione cardiaca con un defibrillatore ( CRT-D ).

La regressione di Cox è stata utilizzata per valutare il rischio di tachicardia ventricolare rapida ( maggiore o uguale a 180 bpm ) / fibrillazione ventricolare ( VT/VF ) o di mortalità in relazione alle dimensioni del ventricolo destro al basale e durante il follow-up ( definita come area del ventricolo destro di fine diastole [ RVEDA ] ) tra i 1495 pazienti arruolati nello studio MADIT-CRT ( Multicenter Automatic Defibrillator Implantation Trial with Cardiac Resynchronization Therapy ).

L'analisi multivariata ha mostrato che il trattamento con CRT-D era associato in modo indipendente a una riduzione del 27% ( P=0.003 ) del rischio di tachicardia ventricolare / fibrillazione ventricolare o di mortalità tra i pazienti con ventricoli destri di più grandi dimensioni ( maggiore del primo quartile RVEDA, superiore o uguale a 13 mm2/m2 ), rispetto alla terapia con solo il defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ), mentre nei pazienti con ventricoli destri più piccoli non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nel rischio di tachicardia ventricolare / fibrillazione ventricolare tra i due bracci di trattamento ( hazard ratio, HR=1.00, P=0.99 ).

A 1 anno di follow-up, i pazienti nel gruppo CRT-D hanno presentato significativamente maggiori riduzioni RVEDA rispetto ai pazienti sottoposti al solo defibrillatore ( p inferiore a 0.001 ), associate a una corrispondente diminuzione del rischio di successiva tachicardia ventricolare / fibrillazione atriale o di decesso ( HR=0.55, p inferiore a 0.001 ), indipendentemente dalle variazioni nelle dimensioni del ventricolo sinistro.

Dallo studio è emerso che il ventricolo destro può avere un ruolo importante nel determinare l'effetto antiaritmico della terapia di resincronizzazione cardiaca, in modo indipendente dall'effetto del dispositivo sul ventricolo sinistro. ( Xagena2013 )

Doyle CL et al, Heart Rhythm 2013; 10: 1471-1477

Cardio2013



Indietro