Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Studio EMANATE: Apixaban riduce il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione


Dallo studio EMANATE è emerso che i pazienti con fibrillazione atriale che hanno ricevuto Apixaban ( Eliquis ) prima della cardioversione pianificata hanno presentato un minor rischio di ictus rispetto al Warfarin ( Coumadin ) e all'Eparina.

L'attuale standard di cura per ridurre il rischio di ictus nell'ambito della cardioversione è rappresentato dall'Eparina e dal Warfarin, che richiedono il monitoraggio e l'eventuale aggiustamento della dose.

Apixaban non è ancora stato approvato per l'uso nei pazienti naive all'anticoagulazione prima della cardioversione.

Hanno preso parte allo studio 1.500 pazienti con fibrillazione atriale che dovevavno essere sottoposti a cardioversione e non stavano assumendo anticoagulanti.
I pazienti sono stati assegnati a ricevere Apixaban ( n=753; età media: 65 anni; 33% donne; follow-up medio, 29 giorni ) oppure Eparina con Warfarin ( n=747; età media: 65 anni; 33% donne; follow-up medio, 23 giorni ).

Coloro che sono stati assegnati ad Apixaban hanno ricevuto una dose di carico di 10 mg a meno che non avessero almeno 80 anni di età, peso corporeo inferiore a 60 kg o avevano un livello plasmatico di creatinina inferiore a 1.5 mg/dL.
I pazienti che hanno incontrato due di questi criteri hanno ricevuto una dose di carico di 5 mg.

Gli anticoagulanti sono stati somministrati per 30 giorni dopo la cardioversione o per un massimo di 90 giorni nel caso che la cardioversione non fosse stata eseguita.

Nessun paziente nel gruppo Apixaban ha manifestato un ictus contro 6 nel gruppo di cura standard ( P = 0.0164 ).
Emboli sistemici non si sono verificati in nessuno dei due gruppi.

La sicurezza, compresi i sanguinamenti maggiori e i sanguinamenti non-maggiori ma clinicamente rilevanti, sono stati riesaminati in una popolazione di sicurezza ( n=1.456 ) che ha ricevuto una o più dosi del farmaco di studio.
Tra i pazienti del gruppo sicurezza di Apixaban ( n=435 ) ci sono stati 3 sanguinamenti maggiori rispetto a 6 nel gruppo di cura standard ( n=721 ).
Sanguinamenti non-maggiori ma clinicamente rilevanti si sono verificati in 11 pazienti nel gruppo Apixaban e in 13 pazienti nel gruppo di cura standard.

L'imaging è stato eseguito in 840 pazienti. L'ecocardiografia ha identificato 61 pazienti con presenza di trombi all'appendice atriale sinistra; 30 sono stati assegnati ad Apixaban e 31 sono stati assegnati alla cura standard.
L'imaging è stato ripetuto dopo una media di 37 giorni per ogni sottogruppo. La trombosi è stata identificata nel 52% dei pazienti nel sottogruppo Apixaban e nel 56% dei pazienti del sottogruppo di cura standard.

I risultati osservati nello studio EMANATE sono a sostegno dell'uso di Apixaban nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione. ( Xagena2017 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Congress, 2017

Cardio2017 Farma2017


Indietro