Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Studio CASTLE-AF: l'ablazione riduce il carico di fibrillazione atriale nello scompenso cardiaco


I nuovi dati dello studio CASTLE-AF hanno mostrato che l'ablazione transcatetere ha migliorato il carico di fibrillazione atriale e il tempo necessario alla prima recidiva di fibrillazione atriale nei pazienti con fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca.

Lo studio CASTLE-AF ha interessato 397 pazienti con fibrillazione atriale sintomatica persistente o parossistica e frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) del 35% o inferiore che non hanno risposto o erano intolleranti ad almeno un farmaco antiaritmico o non erano disposti ad assumere il farmaco.
I pazienti assegnati all'ablazione mediante catetere hanno presentato un tasso inferiore di mortalità per tutte le cause e di ricoveri ospedalieri per peggioramento dello scompenso cardiaco rispetto a quelli assegnati al trattamento farmacologico convenzionale.

Nella presente analisi, i ricercatori hanno valutato l'effetto dell'ablazione sul carico di fibrillazione atriale e sulla recidiva di fibrillazione atriale e se questi fattori abbiano avuto effetto sui risultati clinici della popolazione che ha preso parte allo studio CASTLE-AF ( gruppo di ablazione, n = 150, età media, 63 anni, 89% uomini, gruppo terapia medica, n = 210, età media, 64 anni, 83% uomini ).

CASTLE-AF è stato il primo studio che ha dimostrato in modo prospettico che l'ablazione mediante catetere dei pazienti con insufficienza cardiaca ha migliorato gli endpoint clinici principali di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e mortalità.

Il carico di fibrillazione atriale è stato definito come il tempo in fibrillazione atriale al giorno.
Il tempo alla prima recidiva di fibrillazione atriale è stato definito come il tempo al primo giorno di recidiva con carico di fibrillazione atriale superiore al 5%.

Nella coorte globale, rispetto a quelli con carico di fibrillazione atriale del 5% o inferiore, quelli con fibrillazione atriale superiore al 5% fino all'80% ( odds ratio, OR=3.34, IC 95%, 1.5-7.46 ) e quelli con fibrillazione atriale maggiore dell'80% ( OR=2.51; IC 95%, 1.22-5.66 ) hanno presentato maggiori probabilità di decesso per qualsiasi causa o ospedalizzazione per scompenso cardiaco a 1 anno.

A 2 anni, i risultati erano simili per coloro che avevano un carico di fibrillazione atriale superiore al 5% fino all'80%, ma non più significativi in ​​quelli con fibrillazione atriale superiore all'80%.

Il carico a lungo termine di fibrillazione atriale è stato ridotto dall'ablazione ( area sotto la curva, AUC=0.66; P=0.012 ), ma non dalla terapia medica convenzionale.

Il tempo alla prima recidiva di fibrillazione atriale è risultato più lungo nel gruppo ablazione rispetto al gruppo terapia medica a 5 anni indipendentemente dal fatto che sia stato usato un periodo di blanking ( P inferiore a 0.0001 per entrambi ), ma la recidiva di fibrillazione atriale non ha influenzato il rischio di mortalità per qualsiasi causa o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

In coloro che sono stati sottoposti ad ablazione, un carico di fibrillazione atriale superiore all'80% ha predetto un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca a 10 e 180 giorni senza un periodo di blanking, ma non a 30, 90 o 180 giorni dopo un periodo di blanking.

In coloro che non sono stati sottoposti ad ablazione, il carico di fibrillazione atriale non ha rappresentato un fattore predittivo di aumento del rischio di mortalità per tutte le cause o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

Tra coloro che erano stati sottoposti ad ablazione, i pazienti con almeno il 50% di riduzione del carico di fibrillazione atriale hanno ridotto il rischio di mortalità per qualsiasi causa o ospedalizzazione per scompenso cardiaco ( hazard ratio, HR=2.33, IC 95% 1.1-4.94 ) e mortalità per qualsiasi causa ( HR=3.36 ), IC 95%, 1.13-10 ) rispetto a quelli che avevano meno di una riduzione del 50% del carico di fibrillazione a 180 giorni senza un periodo di blanking.

A 180 giorni dopo un periodo blanking di 90 giorni, una dicotomia simile è stata osservata tra i pazienti con almeno una riduzione del 40% del carico di fibrillazione atriale rispetto a quelli che avevano una riduzione inferiore al 40%.

Quando i ricercatori hanno analizzato i primi cambiamenti nel carico di fibrillazione atriale nel gruppo ablazione, hanno scoperto che quelli con una riduzione precoce di almeno il 30% nel carico di fibrillazione atriale presentavano un ridotto rischio di mortalità per tutte le cause o ospedalizzazione per scompenso cardiaco, e della sola mortalità per tutte le cause a 180 giorni senza un periodo di blanking.
A 180 giorni dopo un periodo di blanking di 90 giorni, quelli con una riduzione precoce del carico di fibrillazione atriale di almeno il 10% hanno presentato un ridotto rischio di mortalità per tutte le cause o di ospedalizzazione per scompenso cardiaco, e quelli con una riduzione precoce di almeno il 20% hanno ridotto il rischio di mortalità per tutte le cause.

Nei pazienti affetti da fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca, l'ablazione della fibrillazione atriale ha migliorato il carico di fibrillazione atriale e il tempo di prima recidiva.
Un più alto carico di fibrillazione atriale è risultato associato a un aumento del rischio per l'endpoint composito di mortalità e ricoveri per scompenso cardiaco.
Il tempo alla prima recidiva non ha predetto l'esito clinico, mentre la riduzione relativa del carico di fibrillazione atriale dopo l'ablazione ha predetto l'endpoint composito e la mortalità. ( Xagena2018 )

Fonte: Heart Rhythm Society Annual Scientific Sessions, 2018

Cardio2018



Indietro