Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Rischio di mortalità dopo ablazione transcatetere della fibrillazione atriale


Sebbene i decessi correlati alla procedura durante l'ammissione ospedaliera a seguito dell'ablazione transcatetere della fibrillazione atriale ( FA ) siano stati segnalati con una bassa incidenza, dopo la dimissione possono verificarsi esiti avversi. Esistono dati limitati sulla mortalità subito dopo l'ablazione per fibrillazione atriale.

Uno studio si è posto l'obiettivo di identificare i tassi, le tendenze e i predittori di mortalità precoce dopo ablazione per fibrillazione atriale.

Gli sperimentatori hanno valutato 60.203 ammissioni di pazienti di età pari o superiore a 18 anni per ablazione della fibrillazione atriale tra il 2010 e il 2015.
La mortalità precoce è stata definita come morte durante l'ammissione iniziale in ospedale o la riammissione a 30 giorni.

La mortalità precoce in seguito all'ablazione della fibrillazione atriale si è verificata nello 0.46% dei casi, con il 54.3% dei decessi avvenuti durante la riammissione.

Dal 2010 al 2015, i tassi trimestrali di mortalità precoce post-ablazione sono aumentati dallo 0.25% all'1.35% ( p inferiore a 0.001 ).

Il tempo mediano dall'ablazione alla morte è stato di 11.6 giorni ( intervallo interquartile [ IQR ]: da 4.2 a 22.7 ).

Dopo aggiustamento per età e comorbidità, le complicanze procedurali ( odds ratio aggiustato [ aOR ]: 4.06; p inferiore a 0.001 ), l'insufficienza cardiaca congestizia ( CHF ) ( aOR: 2.20; p = 0.011 ) e il basso volume ospedaliero di ablazione della fibrillazione atriale ( aOR: 2.35; p = 0.003 ) erano associati a mortalità in fase precoce.

Le complicanze dovute alla perforazione cardiaca ( aOR: 2.98; p = 0.007 ), altre eziologie cardiache ( aOR: 12.8; p inferiore a 0.001 ) e neurologiche ( aOR: 8.72; p inferiore a 0.001 ) erano associate alla mortalità precoce.

In conclusione, in una coorte rappresentativa a livello nazionale, la mortalità precoce in seguito ad ablazione della fibrillazione atriale ha colpito quasi 1 paziente su 200, con la maggior parte dei decessi avvenuti durante la riammissione a 30 giorni.
Complicazioni procedurali, insufficienza cardiaca congestizia e basso volume di ablazione della fibrillazione atriale in ospedale erano predittori della mortalità precoce.
Una rapida gestione delle complicanze post-procedura e dell'insufficienza cardiaca possono essere fondamentali per ridurre i tassi di mortalità dopo ablazione della fibrillazione ariale. ( Xagena2019 )

Cheng E et al, Journal of American College of Cardiology Volume 73, Numero 9 Supplemento 1, 2019

Cardio2019



Indietro