52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Rischio di danno alla arteria coronaria da ablazione con radiofrequenza e crioablazione di vie accessorie epicardiche posterosettali nel sistema venoso coronarico


L’ablazione delle vie accessorie epicardiche posterosettali ( EpiPSAP ) richiede ablazione all'interno del sistema venoso coronarico.
È stato calcolato il rischio di lesioni della arteria coronaria con ablazione a radiofrequenza ( RFA ) all'interno del sistema venoso coronarico in funzione della distanza tra la arteria coronaria e il sito di ablazione.
È stata anche esaminata l'efficacia e la sicurezza della crioablazione vicino a una arteria coronaria.

Un totale di 240 pazienti sono stati sottoposti ad ablazione delle vie accessorie epicardiche posterosettali.
È stata eseguita la coronarografia prima della ablazione negli ultimi 169 pazienti ed è stata ripetuta dopo l'ablazione se eseguita nel sistema venoso coronarico entro 5 mm da una arteria coronaria significativa.
La distanza tra il sito di ablazione ideale e la più vicina arteria coronaria è stata inferiore a 2 mm in 100 pazienti ( 59% ), 3-5mm in 28 pazienti ( 16% ) e maggiore di 5mm in 41 pazienti su 169 ( 25% ).

Lesioni della arteria coronaria sono state osservate in 11 pazienti su 22 ( 50% ) e in 1 paziente su 15 ( 7% ) quando l’ablazione a radiofrequenza è stata eseguita entro 2 mm e 3-5mm da una arteria coronaria, rispettivamente.

La crioablazione è stata eseguita in 26 pazienti con una significativa arteria coronaria situata entro 5 mm.

La crioablazione da sola ha eliminato le vie accessorie epicardiche posterosettali in 17 pazienti su 26 ( 65% ) e in 8 pazienti con ablazione a radiofrequenza aggiuntiva senza restringimento della arteria coronaria in tutti i pazienti.

In un periodo di 3-6 mesi di follow-up, i tassi di successo di unico procedimento sono stati 90% e 77%, rispettivamente, per ablazione a radiofrequenza e crioablazione presso il sito ideale.

In conclusione, il rischio di lesioni della arteria coronaria con l’ablazione a radiofrequenza è inversamente correlato con la distanza dal sito di ablazione.
La crioablazione è una alternativa sicura e ragionevolmente efficace quando una arteria coronaria significativa si trova vicino al sito di ablazione ideale. ( Xagena2013 )

Stavrakis S et al, Circ Arrhythm Electrophysiol 2013; Epub ahead of print

Cardio2013



Indietro