Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Predittori di successo nel lungo periodo dopo ablazione transcatetere delle vie accessorie atriofascicolari


Le caratteristiche elettrofisiologiche, le strategie di mappatura, e i tassi di successo in acuto della ablazione transcatetere con radiofrequenza delle vie accessorie atriofascicolari sono ben descritte. Tuttavia, i dati sulla prognosi a lungo termine e i predittori di assenza di aritmie sono carenti.

Ricercatori del Dipartimento di Cardiologia e Angiologia dell’Ospedale universitario di Münster in Germania, hanno riportato la propria esperienza di 20 anni riguardo alla ablazione delle fibre atriofascicolari.

Tra il 1992 e il 2010, 34 pazienti con vie accessorie atrio-fascicolari sono stati sottoposti ad ablazione transcatetere a causa di tachicardie da rientro atrioventricolare antidromiche sintomatiche.

Le procedure di radiofrequenza sono state analizzate in modo retrospettivo, e i pazienti sono stati seguiti per recidive di tachiaritmie.

L’ablazione transcatetere della fibra atrio-fascicolare di successo è stata raggiunta in 23 ( 68% ) pazienti.
Il blocco meccanico durante la mappatura si è verificato in 3 ( 9% ) pazienti, e in 2 di loro la ablazione è stata eseguita al sito di blocco meccanico.

Un semplice cambiamento delle proprietà di conduzione della via senza blocco completo è stato raggiunto in 5 pazienti ( 15% ).

L’ablazione della via rapida è stata eseguita in 2 ( 6% ) pazienti che erano stati ablati nei primi anni 90.

Durante il follow-up medio di 9.3 anni, 24 pazienti ( 71% ) non hanno più manifestato tachiaritmie, 7 hanno riportato un miglioramento significativo, e 3 ( 9% ) non ha presentato alcun cambiamento dei sintomi dopo l'ablazione.

Il successo a lungo termine è stato identico tra i pazienti della prima decade ( 1992-1999 ) e della seconda ( 2000-2010 ) ( 71% vs 71% ).
E’ stato raggiunto un successo dell'87% tra i pazienti con blocco completo della fibra atrio-fascicolare, mentre tutti i pazienti con blocco meccanico durante la mappatura sono andati incontro a recidive.

L’ablazione della via veloce è risultata complicata da blocco atrioventricolare completo in 1 paziente, che ha richiesto l'impianto del pacemaker 18 anni dopo l’intervento ablativo a causa della perdita di proprietà di conduzione della fibra atriofascicolare nel corso degli anni.

Analizzando i pazienti con pre-eccitazione prima dell'ablazione ( n=16, 47% ), è stato scoperto che l'intervallo PR dopo l'ablazione era significativamente più lungo solo in quelli senza recidiva ( 162 vs 134 ms, p=0.042 ).

Nessuno degli altri parametri elettrocardiografici analizzati ha avuto impatto prognostico.

In conclusione, il successo in acuto della ablazione completa delle vie atrio-fascicolari è associato a un eccellente successo nel lungo periodo ( 87% ).
Semplici modifiche delle proprietà di conduzione delle fibre atriofascicolari o la ablazione nei siti di blocco meccanico sono endpoint meno promettenti di ablazione con alti tassi di recidive. ( Xagena2012 )

Moennig G et al, Heart Rhythm 2012; 9: 704-708


Cardio2012



Indietro