Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Mortalità tra i pazienti con fibrillazione atriale a esordio precoce e varianti rare nei geni della cardiomiopatia e dell'aritmia


I pazienti con fibrillazione atriale a esordio precoce sono arricchiti con rare varianti nei geni della cardiomiopatia e dell'aritmia.
Il significato clinico di queste rare varianti nei pazienti con fibrillazione atriale ad esordio precoce non è noto.

È stata valutata l'associazione tra le varianti rare della cardiomiopatia e i geni dell'aritmia rilevati nei pazienti con fibrillazione atriale a esordio precoce e il tempo alla morte.

Uno studio di coorte prospettico ha incluso partecipanti con fibrillazione atriale diagnosticata prima dei 66 anni di età sottoposti a sequenziamento dell'intero genoma attraverso il programma Trans-Omics for Precision Medicine del National Heart, Lung and Blood Institute.
I partecipanti sono stati arruolati nel peridoo 1999-2015.

I paziennti erano stati esposti a rare varianti identificate in un panel di 145 geni inclusi nei panel di cardiomiopatia e aritmia utilizzati dai laboratori di test genetici clinici commerciali.

L'esito primario dello studio era il tempo alla morte ed è stato giudicato dalle cartelle cliniche e dal National Death Index.
La regressione multivariata dei rischi proporzionali di Cox è stata utilizzata per valutare l'associazione delle varianti associate alla malattia con il rischio di morte dopo aggiustamento per età alla diagnosi di fibrillazione atriale, sesso, etnia, indice di massa corporea [ BMI ], frazione di eiezione ventricolare sinistra [ FEVS ] e un termine di interazione dell'età alla diagnosi di fibrillazione atriale e stato della variante associata alla malattia.

Tra 1.293 partecipanti ( 934 maschi, 72%; età mediana all'arruolamento, 56.0 anni ) sono state trovate varianti rare associate alla malattia ( patogene o probabilmente patogene ) in 131 ( 10% ).

Durante un follow-up mediano di 9.9 anni, 219 partecipanti ( 17% ) sono morti.

Nell'analisi univariata, le varianti associate alla malattia sono state associate a un aumentato rischio di mortalità ( hazard ratio, HR=1.5; P=0.05 ); l'associazione è rimasta significativa nella modellazione multivariata quando aggiustata per età alla diagnosi di fibrillazione atriale, sesso, etnia, indice di massa corporea, frazione di eiezione ventricolare sinistra e un termine di interazione tra lo stato della variante associata alla malattia e l'età alla diagnosi della fibrillazione atriale.

L'interazione ha dimostrato che le varianti associate alla malattia erano associate a un rischio di mortalità significativamente più elevato rispetto a nessuna variante associata alla malattia quando la fibrillazione atriale è stata diagnosticata in età più giovane ( P=0.008 per l'interazione ).

L'indice di massa corporea più alto ( HR, 1.4; P minore di 0.001 ) e la frazione di eiezione ventricolare sinistra più bassa ( HR, 0.8; P minore di 0.001 ) sono risultati associati a un rischio di mortalità più elevato.
Ci sono stati 73 decessi correlati a cardiomiopatia, 40 decessi improvvisi e 10 decessi correlati a ictus.

La mortalità tra i pazienti con i geni più prevalenti con varianti associate alla malattia è stata del 26% ( 10 su 38 pazienti ) per TTN, 33% ( 6 su 18 ) per MYH7, 22% ( 2 su 9 ) per LMNA, 0% ( 0 su 10 ) per MYH6 e 0% ( 0 su 8 ) per KCNQ1.

Dallo studio è emerso che varianti rare nei geni della cardiomiopatia e dell'aritmia possono essere associate a un aumentato rischio di mortalità tra i pazienti con fibrillazione atriale ad esordio precoce, specialmente quelli diagnosticati in età più giovane.
I test genetici possono fornire importanti informazioni prognostiche per i pazienti con fibrillazione atriale ad esordio precoce. ( Xagena2022 )

Yoneda ZT et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 733-741

Cardio2022



Indietro