Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Migliorare la tromboprofilassi utilizzando la capacità di diagnosi di fibrillazione atriale dei defibrillatori impiantabili cardioverter


La fibrillazione atriale è un ben noto fattore di rischio per l'ictus e il tromboembolismo, ed è un’aritmia comorbida frequente nei pazienti con defibrillatori cardioverter impiantabili ( ICD ).

Il Progetto ANGELS ( Anticoagulation Use Evaluation and Life Threatening Events Sentinels ) of AF ( Atrial Fibrillation ) è un programma di assistenza medica volto a sostenere l'adesione alla terapia a base di anticoagulanti orali ( TAO ) nella tromboprofilassi.

Un totale di 50 Centri cardiologici italiani hanno tenuto sotto osservazione 3.438 pazienti con ICD.
In un sottogruppo di 15 Centri ( Centri ANGELS of AF ), sono stati descritti per ciascun paziente i fattori di rischio per l’ictus e i punteggi di rischio ( American College of Chest Physicians e CHADS2 ) [ insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione , età maggiore o uguale a 75 anni, diabete mellito e precedente ictus o attacco ischemico transitorio, TIA ] ), la presenza di fibrillazione atriale e la durata, e l'attuale terapia antitrombotica nei pazienti con fibrillazione atriale, in particolare quelli con un punteggio CHADS2 maggiore di 0 e non in terapia anticoagulante orale.
I Centri rimanenti hanno rappresentato un gruppo di controllo.

Nei Centri ANGELS of AF, 709 ( 36% ) pazienti erano affetti da fibrillazione atriale ( 426 [ 22% ] presentavano storia clinica di questa aritmia; 257 [ 14% ] avevano aritmia di nuova insorgenza ).

Tra i 683 ( 96% ) pazienti con punteggio CHADS2 superiore a 0, 209 ( 30.6% ) non stavano assumendo una terapia anticoagulante orale.

Un’appropriata terapia anticoagulante orale era stata prescritta nel 10% ( 22/209 ) dei pazienti dopo la valutazione degli ANGELS of AF.

La percentuale dei pazienti in terapia anticoagulante orale, come indicato dalle linee guida, è aumentata durante il follow-up dal 46.1% al basale, al 69.4% nella fase di valutazione del rischio di ictus, fino al 72.6% alla fine del periodo di osservazione.
Nei Centri di controllo, le cifre corrispondenti erano 46.9% al basale e 56.8% alla fine del periodo di osservazione ( P inferiore a 0.001 rispetto al gruppo ANGELS of AF ). ( Xagena2012 )

Boriani G et al, Circ Cardiovasc Qual Outcomes 2012; 5: 182-188


Cardio2012 Farma2012


Indietro