Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Migliorare la tromboprofilassi utilizzando la capacità di diagnosi di fibrillazione atriale dei defibrillatori impiantabili cardioverter


La fibrillazione atriale è un ben noto fattore di rischio per l'ictus e il tromboembolismo, ed è un’aritmia comorbida frequente nei pazienti con defibrillatori cardioverter impiantabili ( ICD ).

Il Progetto ANGELS ( Anticoagulation Use Evaluation and Life Threatening Events Sentinels ) of AF ( Atrial Fibrillation ) è un programma di assistenza medica volto a sostenere l'adesione alla terapia a base di anticoagulanti orali ( TAO ) nella tromboprofilassi.

Un totale di 50 Centri cardiologici italiani hanno tenuto sotto osservazione 3.438 pazienti con ICD.
In un sottogruppo di 15 Centri ( Centri ANGELS of AF ), sono stati descritti per ciascun paziente i fattori di rischio per l’ictus e i punteggi di rischio ( American College of Chest Physicians e CHADS2 ) [ insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione , età maggiore o uguale a 75 anni, diabete mellito e precedente ictus o attacco ischemico transitorio, TIA ] ), la presenza di fibrillazione atriale e la durata, e l'attuale terapia antitrombotica nei pazienti con fibrillazione atriale, in particolare quelli con un punteggio CHADS2 maggiore di 0 e non in terapia anticoagulante orale.
I Centri rimanenti hanno rappresentato un gruppo di controllo.

Nei Centri ANGELS of AF, 709 ( 36% ) pazienti erano affetti da fibrillazione atriale ( 426 [ 22% ] presentavano storia clinica di questa aritmia; 257 [ 14% ] avevano aritmia di nuova insorgenza ).

Tra i 683 ( 96% ) pazienti con punteggio CHADS2 superiore a 0, 209 ( 30.6% ) non stavano assumendo una terapia anticoagulante orale.

Un’appropriata terapia anticoagulante orale era stata prescritta nel 10% ( 22/209 ) dei pazienti dopo la valutazione degli ANGELS of AF.

La percentuale dei pazienti in terapia anticoagulante orale, come indicato dalle linee guida, è aumentata durante il follow-up dal 46.1% al basale, al 69.4% nella fase di valutazione del rischio di ictus, fino al 72.6% alla fine del periodo di osservazione.
Nei Centri di controllo, le cifre corrispondenti erano 46.9% al basale e 56.8% alla fine del periodo di osservazione ( P inferiore a 0.001 rispetto al gruppo ANGELS of AF ). ( Xagena2012 )

Boriani G et al, Circ Cardiovasc Qual Outcomes 2012; 5: 182-188


Cardio2012 Farma2012


Indietro