Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

La fibrillazione atriale isolata è associata a sanguinamenti ed a tromboembolia


Nello studio RACE ( Rate Control versus Electrical Cardioversion for Persistent Atrial Fibrillation ) 522 pazienti sono stati assegnati in modo random alla terapia di controllo del ritmo cardiaco o della frequenza ventricolare.

La fibrillazione atriale isolata era presente nel 17% ( n = 89 ) dei pazienti.

I Ricercatori hanno confrontato i dati demografici, la mortalità e la morbidità cardiovascolare e la qualità della vita, nei pazienti con fibrillazione atriale isolata ed in quelli con malattia cardiaca strutturale.

I pazienti con fibrillazione atriale isolata erano più giovani ( 65 versus 69 anni; in media ), presentavano minori disturbi associati alla fatica e alla dispnea, avevano una migliore qualità di vita.

Il periodo osservazionale è stato di 2,3 anni.

L’end point cardiovascolare si è presentato:

- nel 10% ( n = 9 ) dei pazienti con fibrillazione atriale isolata: morte per sanguinamento 3%, complicanze tromboemboliche 3%, sanguinamento non fatale 2%, impianto di pacemaker 2%;
- nel 22% ( n = 95 ) dei pazienti con cardiopatia sottostante.

( Xagena2004 )

Rienstra M et al, Am J Cardiol 2004; 94:1486-1490

Cardio2004


Indietro