Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

La fibrillazione atriale è più disturbante nelle donne, ma più pericolosa negli uomini


Una sottoanalisi del ORBIT AF ( Outcomes Registry for Better Informed Treatment of Atrial Fibrillation ) Registry ha mostrato che la fibrillazione atriale è più disturbante tra le donne, anche se gli uomini hanno una maggiore probabilità di morire a causa della aritmia.

Le donne sono risultate maggiormente sintomatiche con una peggiore qualità di vita e maggiori limitazioni funzionali, nonostante tassi simili di impiego di anticoagulanti orali e fibrillazione atriale meno avanzata rispetto a quanto osservato negli uomini.
Tuttavia, gli uomini, rispetto alle donne, hanno presentato un rischio di mortalità per tutte le cause a 1 anno del 41% più elevato, con un aumento del 54% della probabilità di morire per cause cardiovascolari.

Ricercatori della Duke University hanno analizzato il Registro ORBIT AF per genere. In questa coorte di 10.126 pazienti con fibrillazione atriale, il 42% era rappresentato da donne.

Le donne nella coorte avevano un’età un poco più avanzata e più probabilità di soffrire di fibrillazione atriale parossistica ( 54% versus 48% tra gli uomini ).

Leggermente meno donne sono state sottoposte a cardioversione ( 5% vs 7%, p=0.0003 ) o ad ablazione transcatetere ( 2% contro 3%, p=0.0084 ).

Inoltre le donne avevano una minore propensione, rispetto agli uomini, ad assumere Amiodarone ( Cordarone; 7% vs 8%, P=0.01 ) o un beta-bloccante ( 49% vs 50%, P=0.002 ), ma la probabilità di essere trattate con un calcioantagonista è risultata maggiore ( 14% vs 11%, p inferiore a 0.0001 ).

I sintomi più frequentemente riferiti dalle donne, rispetto agli uomini, sono stati: palpitazioni ( 40% vs 27%, p inferiore a 0.0001 ), dispnea da sforzo ( 29% vs 27%, P=0.02 ) o dispnea a riposo ( 11% vs 9%, p=0.001 ), sensazione di testa vuota ( 23% vs 19%, p inferiore a 0.0001 ), senso di affaticamento ( 28% vs 25%, p inferiore a 0.0001 ), disturbo a livello toracico ( 11% vs 8%, p inferiore a 0.0001 ).

Nelle donne, il rischio di ictus era più alto, con un punteggio CHADS2 di 2 o superiore significativamente più comune rispetto agli uomini ( p inferiore a 0.0001 ).

Riguardo al trattamento anticoagulante orale, le donne hanno trascorso più tempo fuori dal range terapeutico rispetto agli uomini ( 35% vs 32% ), con più tempo a più elevato rischio di ictus a causa di concentrazioni sottoterapeutiche, così come a maggior rischio di sanguinamento a causa di concentrazioni superiori a quelle terapeutiche.

Le donne avevano un rischio del 24% più elevato di ictus, attacco ischemico transitorio ( TIA ) o embolia sistemica a 1 anno dopo aggiustamento, ma questa differenza non è risultata statisticamente significativa.

La mortalità cardiovascolare è, però, risultata più alta tra gli uomini, con un tasso di 2.20 morti per 100 anni-paziente rispetto a 1.52 tra le donne ( p inferiore a 0.0001 ).

La mortalità per qualsiasi causa ha mostrato un andamento simile ( 4.99 vs 4.14 per 100 pazienti-anno, rispettivamente; p inferiore a 0.0001 ).

Non è stata riscontrata diversità tra i gruppi riguardo a eventi emorragici, insufficienza cardiaca, e prime ospedalizzazioni.

La qualità della vita a 1 anno in un sottogruppo di 2.005 pazienti era più bassa fra le donne ( 81 vs 88 tra gli uomini, p inferiore a 0.0001 ).

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Meeting, 2013

Cardio2013



Indietro