Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Fibrillazione atriale asintomatica correlata a ictus nei pazienti con diabete mellito


La fibrillazione atriale asintomatica potrebbe essere una causa di ictus nei pazienti con diabete mellitodi tipo 2.

Tra le 1.992 persone esaminate per uno studio, effettuato da ricercatori della Seconda Università degli Studi di Napoli, è stata riscontrata, al basale, una più alta prevalenza di brevi episodi subclinici di fibrillazione atriale nei pazienti diabetici, rispetto ai controlli sani appaiati ( 9% versus 1.6%, P minore di 0.0001 ).

Dopo 3 anni di follow-up, i pazienti diabetici con fibrillazione atriale subclinica hanno avuto significativamente più ictus di quelli che non presentavano aritmia subclinica ( 17.3% vs 5.9%, P minore di 0.01 ).

Dalla letteratura emerge che anche controllando i fattori di rischio convenzionali associati al diabete, il rischio di ictus associato a diabete rimane doppio nei soggetti più giovani di 60 anni.
Solo il 15% dei pazienti diabetici con ictus ha una storia di fibrillazione atriale sintomatica.

Per capire se la fibrillazione atriale subclinica possa essere origine di ictus, sono stati arruolati 464 pazienti con diabete mellito e 240 controlli appaiati che non soffrivano di diabete.
L'età media era di 52 anni.

Il periodo osservazionale è stato in media di 37 mesi.

I partecipanti hanno avuto valutazioni trimestrali con ECG Holter, nonché scansioni MRI al basale per rilevare la presenza o l'assenza di infarti silenti.
Tutti gli eventi di ictus silenti erano infarti lacunari di dimensione inferiore a 15 mm.

Tra i pazienti con diabete mellito, 176 ( 38% ) hanno presentato brevi episodi di fibrillazione atriale asintomatica ( gruppo SAFE, Silent AF Episode ) e 288 ( 62% ) non hanno avuto episodi silenti, ma hanno soddisfatto i criteri clinici caratteristici ( gruppo non-SAFE ).
Il gruppo SAFE aveva, al basale, una più alta prevalenza di infarti cerebrali silenti rispetto al gruppo non-SAFE ( 61% vs 29%, P minore di 0.01 ).
Il numero e la dimensione degli infarti erano correlati con il carico assoluto di fibrillazione atriale.

Dopo analisi multiple di regressione logistica, sono stati trovati quattro fattori che erano predittori significativi di fibrillazione atriale asintomatica: infarti cerebrali silenti; diametro atriale sinistro; pressione arteriosa sistolica; durata del diabete mellito

All'analisi di regressione di Cox, tre fattori sono risultati significativamente associati con il rischio di ictus: episodi silenti di fibrillazione atriale ( hazard ratio, HR=4.6; pressione arteriosa sistolica ( HR=1.7 ); prevalenza di infarti cerebrali silenti ( HR=3.1 ).

La maggior parte degli episodi (156) di fibrillazione atriale silente nel gruppo SAFE è stata di durata compresa tra 1 e 24 ore, con 51 episodi di durata tra 24 e 48 ore e 12 della durata da 10 minuti a 1 ora.
Solo due controlli hanno presentato episodi di fibrillazione atriale silente ( durata da 1 a 24 ore ).

A 3 anni, l’11% dei pazienti nel gruppo SAFE ha sviluppato fibrillazione atriale clinica rispetto al 4% nel gruppo non-SAFE ( P minore di 0.01). Questi pazienti sono stati esclusi dalla analisi di follow-up.
Nessun controllo ha sviluppato fibrillazione atriale.

Soltanto uno dei 43 eventi ictali era emorragico.

Gli autori hanno rilevato la possibilità che molti episodi silenti di fibrillazione atriale potrebbero essere stati persi a causa della strategia intermittente di follow-up rispetto a un dispositivo impiantabile di monitoraggio continuo.
Tali dati mancanti potrebbero spiegare il relativamente alto rischio di eventi cerebrovascolari nei pazienti senza fibrillazione atriale documentata, quasi il 6%. ( Xagena2013 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2013

Cardio2013 Neuro2013



Indietro