52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Farmaci antiaritmici per il mantenimento del ritmo sinusale dopo cardioversione della fibrillazione atriale


La fibrillazione atriale è l'aritmia sostenuta più frequente, e si ripresenta con alta frequenza dopo il ripristino del ritmo sinusale. I farmaci antiaritmici sono ampiamente utilizzati per prevenire le recidive, ma l'effetto di questi farmaci sulla mortalità e su altri esiti clinici non è ben definito.

Ricercatori francesi hanno cercato di determinare, nei pazienti che hanno ripristinato il ritmo sinusale dopo fibrillazione atriale, l'effetto del trattamento a lungo termine con farmaci antiaritmici sulla mortalità, ictus ed embolia, eventi avversi, effetti proaritmici, e recidive di fibrillazione atriale.

Undici nuovi studi hanno incontrato i criteri di inclusione, per un totale di 56 studi inclusi, comprendenti 20.771 pazienti. Rispetto ai controlli, i farmaci di classe IA Chinidina e Disopiramide ( odds ratio, OR=2.39, numero necessario per produrre un danno [ NNH ] 109 ) e Sotalolo ( OR=2.47, NNH=166 ) sono risultati associati a un aumento della mortalità per qualsiasi causa.
Altri antiaritmici non appaiono modificare la mortalità.

Farmaci di classe IA ( Disopiramide, Chinidina ), IC ( Flecainide, Propafenone ) e III ( Amiodarone, Dofetilide, Dronedarone, Sotalolo ) significativamente riducono la recidiva di fibrillazione atriale ( OR=0.19-0.70, numero necessario per evitare un evento [ NNT ] 3 a 16 ).
Anche i beta-bloccanti ( Metoprololo ) hanno ridotto in modo significativo la recidiva di fibrillazione atriale ( OR=0.62; NNT=9 ).

Tutti i farmaci analizzati hanno aumentato il numero di pazienti che hanno abbandonato gli studi a causa di effetti avversi e tutti con l’eccezione di Amiodarone, Dronedarone e Propafenone, hanno aumentato l’incidenza di proaritmia.

In conclusione, diversi farmaci di classe IA, IC e III, così come i farmaci di classe II ( beta-bloccanti ), sono moderatamente efficaci nel mantenimento del ritmo sinusale dopo conversione della fibrillazione atriale. Tuttavia, producono un aumento degli eventi avversi, tra cui la pro-aritmia, e alcuni di loro ( Disopiramide, Chinidina e Sotalolo ) possono aumentare la mortalità. Possibili benefici sugli esiti clinicamente rilevanti ( ictus, embolia, insufficienza cardiaca ) restano da essere stabiliti. ( Xagena2012 )

Lafuente C et al, Cochrane Database Syst Rev 2012; 5: CD005049. doi: 10.1002/14651858.CD005049.pub3.

Cardio2012 Farma2012


Indietro