52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Efficacia della profilassi delle aritmie con Amiodarone per os dopo interventi cardiochirurgici


Le tachiaritmie atriali dopo intervento di cardiochirurgia sono associate ad outcome non favorevole e ad un aumento dei costi.

I precedenti studi clinici che hanno valutato l’impiego profilattico dell’Amiodarone ( Cordarone ) erano relativamente piccoli ed hanno prodotto risultati contraddittori.

Lo studio PAPABEAR ( Prophylactic Oral Amiodarone for the Prevention of Arrhythmias that Begin Early After Revascularization, Valve Replacement or Repair ) ha valutato se un breve ciclo perioperatorio di Amiodarone per os rappresentasse una profilassi efficace e sicura per le tachiaritmie atriali dopo cardiochirurgia.

Lo studio ha riguardato 601 pazienti che dovevano sottoporsi a CABG ( Coronary Artery Bypass Graft ) non urgente e/o a sostituzione/riparazione valvolare tra febbraio 1999 e settembre 2003.

I pazienti sono stati seguiti fino ad 1 anno.

L’Amiodarone per os ( 10mg/kg die ), oppure il placebo, è stato somministrato 6 giorni prima dell’intervento chirurgico e fino a 6 giorni dopo ( 13 giorni in totale ).

L’end point primario era rappresentato dall’incidenza di episodi di tachiaritmie atriali della durata di 5 minuti o più dal sesto giorno post-operatorio.

Le tachiaritmie atriali si sono presentate con una minore incidenza nei pazienti trattati con Amiodarone ( 16.1% ) rispetto a quelli trattati con placebo ( 29.5% ) ( hazard ratio, HR = 0.52; p < 0.001 ).

Inoltre, l’incidenza di episodi di tachiaritmia atriale nel gruppo Amiodarone e nel gruppo placebo è stata rispettivamente:

- nei pazienti più giovani di 65 anni ( 11.2% versus 21.1%; HR = 0.51; p = 0.02 );

- nei pazienti di 65 anni o più anziani ( 21.7% versus 41.2%; HR = 0.45; p < 0.001 );

- nei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico solamente per bypass ( 11.3% versus 23.6%; HR = 0.45; p = 0.002 );

- nei pazienti sottoposti a chirurgia per sostituzione/riparazione valvolare con o senza intervento di bypass ( 23.8% versus 44.1%; HR = 0.51; p = 0.008 );

- nei pazienti trattati pre-intervento con beta-bloccanti ( 15.3% versus 25%; HR = 0.58; p = 0.03 );
- nei pazienti che non hanno ricevuto pre-intervento i beta-bloccanti ( 16.3% versus 35.8%; HR = 0.40; p < 0.001 ).

Tachiaritmie ventricolari sostenute post-operatorie si sono presentate meno frequentemente tra i pazienti del gruppo Amiodarone ( 0.3% ) rispetto ai pazienti del gruppo placebo ( 2.6% ) ( p = 0.04 ).

Non sono state osservate differenze tra i due gruppi riguardo alle gravi complicanze post-operatorie, alla mortalità ospedaliera o ad un nuovo ricovero ospedaliero entro 6 mesi dalla dimissione, o alla mortalità ad 1 anno.

I dati dello studio hanno mostrato che la profilassi delle tachiaritmie atriali con Amiodarone per os dopo cardiochirurgia è efficace. ( Xagena2005 )

Brent Mitchell L et al, JAMA 2005; 294: 3093-3100


Cardio2005 Farma2005


Indietro