Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Complicazioni procedurali, ricoveri successivi e procedure di ripetizione dopo ablazione transcatetere per la fibrillazione atriale


Lo scopo di uno studio è stato quello di stimare i tassi e identificare i predittori di complicanze ospedaliere e nuovi ricoveri a 30 giorni, così come i tassi ripetuti di ospedalizzazione per ricorrenza di aritmia a seguito di ablazione per fibrillazione atriale.

La fibrillazione atriale è la più comune aritmia clinicamente significativa ed è associata a un aumento della morbilità e della mortalità.
L'ablazione con radiofrequenza della fibrillazione atriale o crioterapia è un'opzione di trattamento relativamente nuova, e i dati sugli esiti post-procedurali in un'ampia popolazione generale sono limitati.

Utilizzando i dati del California State Inpatient Database, sono stati identificati tutti i pazienti adulti sottoposti alla loro prima ablazione della fibrillazione atriale dal 2005 al 2008.
Sono stati identificati i predittori di complicanze e/o di riammissioni in ospedale a 30 giorni e sono stati stimati i tassi di riammissione per tutte le cause e per aritmia.

Tra i 4.156 pazienti sottoposti a una iniziale ablazione della fibrillazione atriale, il 5% ha avuto complicanze periprocedurali, più comunemente vascolari, e il 9% è stato riammesso entro 30 giorni.

L'età avanzata, il sesso femminile, ricoveri precedenti per fibrillazione atriale e minore esperienza ospedaliera con l’ablazione della fibrillazione atriale sono stati associati a un rischio aggiustato più elevato di complicanze e/o riammissioni a 30 giorni.

Il tasso di ospedalizzazione per tutte le cause è stato del 38.5% per 1 anno.
Il tasso di riammissione per fibrillazione atriale ricorrente, flutter atriale e/o ripetizione dell'ablazione è stato del 21.7% entro il primo anno e del 29.6% a 2 anni.

In conclusione, le complicanze periprocedurali si sono verificate in 1 paziente su 20 sottoposti ad ablazione per la fibrillazione atriale; i ricoveri successivi per tutte le cause e legati alle aritmie sono stati comuni.
L'età avanzata, il sesso femminile, precedenti ricoveri per fibrillazione atriale e una recente procedura ospedaliera sono stati associati ad un più alto rischio di complicanze e/o di riammissione a 30 giorni dopo ablazione della fibrillazione atriale. ( Xagena2012 )

Shah RU et al, J Am Coll Cardiol 2012; 59: 143-149


Cardio2012



Indietro