Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Blocco atrioventricolare indotto da farmaci


I beta bloccanti, il Verapamil ed il Diltiazem possono causare blocco atrioventricolare ( blocco AV ).

Lo studio ha cercato di verificare se i pazienti colpiti da blocco AV presentassero un decorso benigno dopo interruzione del farmaco ritenuto essere causa del blocco AV.

Sono stati arruolati pazienti con blocco AV di grado II o III, non associato ad infarto miocardico, tossicità da Digitale o sincope vasovagale.

Dei 169 pazienti con blocco atrioventricolare, il 54% ( n = 92 ) stava ricevendo beta-bloccanti e/o Verapamil o Diltiazem.

L’interruzione del farmaco è stata seguita da risoluzione del blocco AV nel 41% dei casi, mentre miglioramenti spontanei della conduzione atrio-ventricolare si è avuta nel 23% dei pazienti, che hanno presentato un blocco AV in assenza di farmaci.

Tuttavia, il 56% dei pazienti, in cui la sospensione del farmaco ha portato alla risoluzione del blocco AV, è incorso in recidive di blocco AV in assenza di terapia.

Il blocco atrioventricolare, realmente causato dai farmaci, è stato riscontrato nel 15% dei pazienti con blocco AV di grado II o III durante trattamento con beta-bloccanti, Verapamil o Diltiazem.( Xagena2004 )


Zeltser D et al, J Am Coll Cardiol 2004; 44: 105-108


Cardio2004 Farma2004


Indietro