52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Benefici effetti della terapia con statine nella prevenzione della fibrillazione atriale nei pazienti con impianto DDDR


I dati indicano che il pacing atriale, le statine, gli ACE inibitori, ed i bloccanti il recettore dell’angiotensina prevengono la tachicardia atriale / fibrillazione atriale in alcuni pazienti.

Uno studio, condotto da Ricercatori dell’University of Calgary in Canada, ha esaminato i predittori clinici di ricidiva di tachicardia atriale / fibrillazione atriale, dopo impianto di un pacemaker bicamerale; lo studio ha riguardato 185 pazienti consecutivi con fibrillazione atriale parossistica.

E’ stata osservata recidiva di tachicardia atriale / fibrillazione atriale nell’85% dei pazienti in studio.

Dopo 1 anno di follow-up, i pazienti senza recidiva avevano una maggiore probabilità di essere in trattamento con statine ( 54% versus 24%; p=0.0004 ).

La terapia con statine è risultata essere il solo predittore significativo di recidiva di tachicardia atriale / fibrillazione atriale in un modello di regressione logistica multivariata ( odds ratio aggiustato, OR=0.33; p=0.007 ).

Dallo studio si evince che nei pazienti con malattia del nodo del seno, a cui è stato impiantato un pacemaker, la terapia con statine riduce l’incidenza di recidiva di tachicardia atriale / fibrillazione atriale. ( Xagena2008 )

Gillis AM et al, Eur Heart J 2008; 28: 1873-1880


Cardio2008 Farma2008


Indietro