Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Apixaban versus Aspirina nei pazienti con fibrillazione atriale e precedente ictus o attacco ischemico transitorio


Nello studio AVERROES, Apixaban ( Eliquis ), un nuovo inibitore del fattore Xa, ha ridotto il rischio di ictus o di embolia sistemica nei pazienti con fibrillazione atriale ad alto rischio di ictus, ma non-idonei alla terapia con antagonisti della vitamina K.

È stato condotto uno studio per valutare se il sottogruppo di pazienti con precedente ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ) beneficiare dal trattamento con Apixaban che con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), rispetto ai pazienti con precedenti eventi cerebrovascolari.

Nello studio AVERROES, 5.599 pazienti ( età media 70 anni ) con fibrillazione atriale con un aumentato rischio di ictus e non-idonei al trattamento con antagonisti della vitamina K sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Apixaban ( 5 mg 2 volte al giorno ) o Aspirina ( 81-324 mg al giorno ).

Il follow-up medio è stato di 1.1 anni.

L’esito primario di efficacia era l’ictus o l’embolia sistemica; l’esito primario di sicurezza era il sanguinamento maggiore.

I pazienti e i ricercatori non erano a conoscenza del trattamento di assegnazione.

Nei pazienti con precedente ictus o attacco ischemico transitorio, 10 eventi di ictus o embolia sistemica si sono manifestati nel gruppo Apixaban ( n=390, rischio cumulativo 2.39% per anno ), rispetto a 33 nel gruppo Aspirina ( n=374, 9.16% per anno; hazard ratio [ HR ] 0.29 ).

Nei pazienti senza precedente ictus o TIA, 41 eventi si sono manifestati nel gruppo Apixaban ( n=2.417, 1.68% per anno ), rispetto a 80 nel gruppo Aspirina ( n=2.415, 3.06% per anno; HR=0.51 ).

Il p value per l’interazione degli effetti di Aspirina e Apixaban con precedenti eventi cerebrovascolari è stato pari a 0.17.

Il sanguinamento maggiore è risultato più frequente nei pazienti con storia di ictus o attacco ischemico transitorio che in pazienti senza tali eventi ( HR=2.88 ), ma il rischio di tale evento non ha mostrato differenze tra i gruppi di trattamento.

In conclusione, nei pazienti con fibrillazione atriale, Apixaban ha mostrato efficacia simile, indipendentemente dal fatto che i pazienti abbiano o meno avuto un precedente ictus o TIA.
Dato che i pazienti con precedente ictus o attacco ischemico transitorio presentano un maggior rischio di ictus, i benefici assoluti potrebbero essere maggiori in questi pazienti. ( Xagena2012 )

Diener HC et al, Lancet Neurol 2012; 11: 225-231


Cardio2012 Neuro2012 Farma2012


Indietro