52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Anticoagulanti orali; confronto tra raccomandazioni d’uso e i punteggi CHADS2 e CHA2DS2-Vasc nei pazienti con fibrillazione atriale da sottoporre ad ablazione


La fibrillazione atriale è associata a un'alta incidenza di ictus / tromboembolismo. CHADS2 assegna punti alle diverse variabili cliniche per identificare il rischio di ictus. Il punteggio CHA2DS2-VASC utilizza le stesse variabili, ma incorpora anche l’età compresa tra 65 e 74 anni, il genere femminile, e la malattia vascolare nel tentativo di fornire una più preciso valutazione del rischio di ictus / tromboembolismo.

Ricercatori hanno esaminato le raccomandazioni per la terapia anticoagulante orale in una coorte di pazienti da sottoporre ad ablazione della fibrillazione atriale a seconda che il rischio trombo-embolico fosse determinato dal punteggio CHADS2 o CHA2DS2-VASC.

Lo studio ha riguardato 1.411 pazienti. Sono state messe a confronto le raccomandazioni per l’impiego degli anticoagulanti orali per ciascuno di questi schemi di stratificazione del rischio secondo tre strategie di terapia anticoagulante: ( i) no all’uso degli anticoagulanti orali, ( ii ) considerare l’uso degli anticoagulanti orali, e ( iii ) instaurare terapia con anticoagulanti orali.

Rispetto al punteggio CHADS2, il punteggio CHA2DS2-VASC ha ridotto il non-uso degli anticoagulanti orali dal 40.3 al 21.8% e l’opzione considerare l’uso degli anticoagulanti orali dal 36.6 al 27.9%, aumentando l’opzione trattamento con gli anticoagulanti orali dal 23.0 al 50.2% dei pazienti.

L’età 65-74 anni e il genere femminile hanno rappresentato il 95.2%, mentre la malattia vascolare solo il 4.8%, delle raccomandazioni per un più aggressivo approccio anticoagulante, secondo la scala CHA2DS2-VASC.

La malattia vascolare si è verificata, soprattutto, tra i pazienti con punteggi CHADS2 più elevati, a cui era già stato consigliato di assumere la terapia anticoagulante ( P inferiore a 0.0001 ).

La riclassificazione di 30 donne di età inferiore a 65 anni con un punteggio CHA2DS2-VASC di 1 al gruppo non-terapia con gli anticoagulanti orali ha avuto un minimo effetto sulle raccomandazioni generali.

In conclusione, rispetto al punteggio CHADS2, nella popolazione esaminata, da sottoporre ad ablazione della fibrillazione atriale, il punteggio CHA2DS2-VASC ha aumentato in modo considerevole il numero dei pazienti con fibrillazione atriale per i quali viene raccomandata la terapia con anticoagulanti orali.
Sarà importante determinare, mediante studi randomizzati, se il maggiore utilizzo degli anticoagulanti orali, grazie alla scala CHA2DS2-VASC, permetta di migliorare l'esito di questi pazienti. ( Xagena2014 )

Winkle RA et al, Europace 2014; 16: 195-201

Cardio2014 Farma2014


Indietro