Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Ablazione transcatetere della tempesta di fibrillazione ventricolare refrattaria dopo infarto miocardico


La tempesta di fibrillazione ventricolare dopo infarto del miocardio è una condizione pericolosa per la vita che richiede defibrillazioni multiple.
L'ablazione transcatetere è una strategia di trattamento potenzialmente efficace per la tempesta di fibrillazione ventricolare refrattaria al trattamento medico ottimale. Tuttavia, il suo impatto sulla sopravvivenza dei pazienti non è stato verificato in una vasta popolazione.

È stato condotto uno studio osservazionale multicentrico e retrospettivo che ha coinvolto pazienti consecutivi sottoposti ad ablazione transcatetere della tempesta di fibrillazione ventricolare refrattaria post-infarto senza precedente tachicardia ventricolare monomorfa.
L'obiettivo dell'ablazione erano le extrasistoli ventricolari correlate alle cellule di Purkinje che innescano la fibrillazione ventricolare.

L'esito primario era la mortalità ospedaliera e di lunga durata. Sono state valutate le caratteristiche cliniche associate rispettivamente alla mortalità in ospedale e a lungo termine.

Sono stati arruolati 110 pazienti ( età, 65 anni; 92 uomini; frazione di eiezione ventricolare sinistra [ FEVS ], 31% ).

La tempesta di fibrillazione ventricolare si è verificata nella fase acuta di infarto miocardico ( 4.5 giorni dopo l'insorgenza di infarto miocardico durante il ricovero indice in ospedale per infarto miocardico ) in 43 pazienti ( 39% ), la fase subacuta ( superiore a 1 settimana ) in 48 ( 44% ) e la fase remota ( superiore a 6 mesi ) in 19 (17% ).

Si è scoperto che i trigger focali avevano origine dalla zona del bordo della cicatrice in 88 pazienti ( 80% ).

Durante la degenza in ospedale dopo l'ablazione, la tempesta di fibrillazione ventricolare si è placata in 92 pazienti ( 84% ).

Complessivamente, si sono verificati 30 decessi ( 27% ) in ospedale.

La durata dalla presentazione della fibrillazione ventricolare alla procedura di ablazione è stata associata alla mortalità in ospedale ( odds ratio per ogni aumento di 1 giorno, OR=1.11; P=0.008 ).

Durante il follow-up dopo la dimissione dall'ospedale, solo 1 paziente ha sviluppato una tempesta di fibrillazione ventricolare recidivante.

29 pazienti ( 36% ) sono deceduti, con un tempo di sopravvivenza mediano di 2.2 anni.

La mortalità a lungo termine è stata associata a frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 30% ( hazard ratio, HR=2.54; P=0.014 ), classe NYHA maggiore o uguale a III ( HR=2.68; P=0.021 ), storia di fibrillazione atriale ( HR=3.89; P=0.008 ) e malattia renale cronica ( HR=2.74; P=0.023 ).

Nei pazienti con infarto miocardico che presentano una tempesta di fibrillazione ventricolare innescata focalmente, l'ablazione transcatetere dei trigger responsabili è salvavita e sembra essere associata alla libertà dalla tempesta di fibrillazione ventricolare ricorrente a breve e lungo termine.
La mortalità nel follow-up a lungo termine è associata alla gravità delle patologie cardiovascolari sottostanti e alle comorbilità in questa specifica popolazione di pazienti. ( Xagena2019 )

Komatsu Y et al, Circulation 2019; 139: 2315-2325

Cardio2019



Indietro