Associazione Silvia Procopio
American Heart Association
Aggiornamenti su Malattie del circolo polmonare

PREVENT-AF: l’isolamento della vena polmonare riduce la fibrillazione atriale di nuova insorgenza nei pazienti con flutter atriale


Uno studio ha trovato che l'aggiunta dell’isolamento della vena polmonare alla ablazione dell’istmo cavo-tricuspidale nei pazienti con flutter atriale istmo-dipendente riduce l'insorgenza di nuova fibrillazione atriale.

Lo studio PREVENT-AF è uno studio prospettico, in singolo cieco, longitudinale, randomizzato e controllato, in parallelo, in pazienti in cui l’unica aritmia rilevata era il flutter atriale istmo-dipendente senza fibrillazione atriale ( n=50 ).

Sebbene l’ablazione transcatetere del flutter atriale istmo-dipendente sia in grado di trattare con successo questa condizione, è stata associata a insorgenza di fibrillazione atriale.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a sola ablazione dell’istmo cavo-tricuspidale oppure ad ablazione dell’istmo cavo-tricuspidale più isolamento della vena polmonare e monitorati con un loop recorder impiantabile.

L'esito primario era la fibrillazione atriale di nuova insorgenza.

Le procedure hanno avuto successo in tutti i pazienti, senza evidenza di recidiva di flutter atriale.

Il tempo per l’esecuzione della procedura e il tempo di fluoroscopia sono stati più lunghi nel gruppo assegnato all’isolamento della vena polmonare ( p minore di 0.0001 per entrambi ).

A 1 anno di follow-up, i pazienti assegnati alla ablazione del istmo cavo-tricuspidale più isolamento della vena polmonare hanno presentato un tasso inferiore di fibrillazione atriale di nuova insorgenza rispetto alla sola ablazione del istmo cavo-tricuspidale ( hazard ratio, HR=8.719, p=0.003 ).

Il carico di fibrillazione atriale a 1 anno, misurato mediante loop recorder impiantabile, era più basso nel gruppo assegnato all’isolamento della vena polmonare rispetto al gruppo assegnato alla sola ablazione del istmo cavo-tricuspidale ( P= 0.002 ).

Il 32% dei pazienti assegnati alla sola ablazione del istmo cavo-tricuspidale ha necessitato di un'altra ablazione per la fibrillazione atriale; nessun paziente del gruppo isolamento della vena polmonare ha richiesto un'altra ablazione ( P=0.004 ).
Inoltre, i pazienti assegnati all’isolamento della vena polmonare avevano meno probabilità di assumere un farmaco antiaritmico per la fibrillazione atriale sintomatica ( 8% vs 40%, P=0.005 ).

L'analisi univariata ha rivelato che l'assegnazione al gruppo di isolamento della vena polmonare ( odds ratio, OR=0.12 ) rappresenta un predittore indipendente di libertà da fibrillazione atriale.
Il sesso femminile è risultato un predittore indipendente di fibrillazione atriale ( OR = 3.57 ).

Secondo gli autori, l’isolamento profilattico della vena polmonare rappresenta una nuova opzione di trattamento che deve essere validata prima di essere introdotta nella pratica clinica. ( Xagena2014 )

Fonte: Heart Rhythm Society Annual Scientific Sessions, 2014

Cardio2014



Indietro