CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association

Il rischio di fibrillazione atriale di nuova insorgenza e ictus dopo ablazione con radiofrequenza di flutter atriale tipico isolato


L’ablazione con radiofrequenza ( RFA ) è considerata una procedura curativa per il flutter atriale tipico; tuttavia, i pazienti rimangono a rischio per lo sviluppo di nuova fibrillazione atriale.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare l'incidenza e i predittori di fibrillazione atriale di nuova insorgenza e ictus dopo ablazione mediante radiofrequenza del flutter atriale tipico isolato in una coorte multicentrica.

Lo studio ha incluso 315 pazienti consecutivi sottoposti ad ablazione transcatetere di successo del flutter atriale tipico isolato nel periodo 2006-2013 in quattro ospedali pubblici e universitari.
Sono stati esclusi i pazienti con una storia di fibrillazione atriale prima dell’ablazione.

Durante i 2.5 anni, in media, di follow-up dopo ablazione, 80 pazienti ( 25% ) hanno sviluppato nuova fibrillazione atriale.

All'analisi multivariata, dopo aggiustamento per la terapia medica di base, l’apnea ostruttiva del sonno e la dilatazione atriale sinistra erano indipendentemente associati con lo sviluppo di nuova fibrillazione atriale.

La presenza di un dispositivo elettronico impiantabile cardiaco ( CIED ) era associata a un aumento della probabilità 3.6 volte maggiore di rilevamento di fibrillazione atriale ( p inferiore a 0.0001 ).
Nuova fibrillazione atriale è stata rilevata nel 48% dei pazienti con CIED e nel 35% di coloro che erano stati sottoposti a ECG Holter contro il 19% di quelli con solo follow-up clinico ( p inferiore a 0.0001 ).

L’anticoagulazione è stata sospesa nel 58% dei pazienti in media 3.3 mesi dopo l’ablazione con radiofrequenza.

L’ictus si è verificato in 3 pazienti ( 1% ) durante il periodo di follow-up.

In conclusione, nuova fibrillazione atriale si è verificata nel 25% o più dei pazienti dopo ablazione mediante radiofrequenza del flutter atriale tipico isolato, ma l’ictus era un evento relativamente raro.
L’apnea ostruttiva del sonno e la dilatazione atriale sinistra sono risultati essere fattori di rischio per la fibrillazione atriale.
La presenza di un CIED ha aumentato significativamente la probabilità di rilevare nuova fibrillazione atriale, dimostrando l'importanza della sorveglianza aritmica dopo ablazione del flutter atriale isolato. ( Xagena2014 )

Voight J et al, Heart Rhythm 2014; 11: 1884–1889

Cardio2014



Indietro